Dove si trova

MAPPA DELLA PROVINCIA

Meteo

18 - 21 °C

Domani 16 - 23°C

Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

FORNACI ROMANE

 
Fornaci Romane

Nel settore occidentale dell’ampia e luminosa insenatura, che si allarga fra i Capi di Punta Raisi e San Vito, scorre la allungata “marina” di Alcamo, dove, nei pressi della località Contrada Foggia si è potuto individuare e tutelare, la presenza di un impianto officinale di età romana (I-V sec. d.C.) per la produzione di materiale da costruzione e di oggetti d’uso domestico (mattoni, coppi, embrici, stoviglieria, ceramica comune. L’impianto produttivo si trova opportunamente attestato sul limitare della conoide deltizia venutasi nei millenni a formare dall’attività di trasporto e costipamento di due lingue d’acqua, costituite dal Molinello e dal San Bartolomeo, quest’ultimo oggi poco meno che un canale mentre ancora le Cronache seicentesche lo indicavano come un fiume di consistente portata, dove risalivano navigli e barconi per rifornirsi d’acqua ed il cui corso, in antico, poneva direttamente in contatto la linea costiera con la vicina Segesta. Dunque un’area utile, per la presenza di un naturale pack argilloso e di un immediato approvvigionamento idrico, alla impostazione di più manufatti destinati alla produzione e cottura di materiale laterizio e ceramica d’uso.  Alle fornaci finora individuate, poste in sicurezza nelle operazioni di intervento nele Campagne di scavo effetuate in virtù di una Convenzione su piano biennale, concordata fra Assessorato  BB.CC.  della Regione Siciliana, Soprintendenza BB.CC.AA. di Trapani, Dipartimento di Storie e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali dell’Ateneo di Bologna, sede di Ravenna, si devono aggiungere le evidenti tracce relative alla esistenza di ulteriori manufatti consimili rese sia dalle analisi geofisiche finora condotte sul terreno, sia dalle attività di survey e rilevamento.  Le fornaci sono impostate su un modulo a “schiera” allineato longitudinalmente sull’asse N-S (dunque con praefurnium esposto ad ovest, non a caso volto verso i venti non dominanti) e inquadrate in una scacchiera di muri pseudoisodomi, ortogonali e paralleli, utili  ad  elidere  le  forze  contrapposte  sviluppate  al  momento  della  massima  dilatazione; sono a forma circolare, con un diametro medio di ca. 3 metri,  e presentano, oltre al mantenimento del piano di cottura, un inconsueto stato di conservazione della camera di cot-tura  a  calotta,  il  cui  alzato  appare  preservato  per  ca.  3/5  della  originaria  struttura.

Bibliografia

STOPPIONI M.L. 1993, Gli impianti produttivi, in Con la terra e con il fuoco: Fornaci romane del riminese, Guaraldi Editore, Rimini, 25-34.
CAMBI  F., TERRENATO  N. 1994,  Introduzione  all’archeologia  dei  paesaggi,  La Nuova Italia Scientifica, Roma.
CLARKE D.L. 1968, Archeologia analitica, Electa Ed. (ed. italiana 1998), Milano.
CUOMO  DI  CAPRIO  N.  1992,  Fornaci  e  officine  da  vasaio  tardo-ellenistiche,  in Morgantina Studies, III, Princeton New Jersey.

Vedi comune di appartenenza